Veronesi, il digiuno e la Dieta che mima il digiuno

Tutti ormai sappiamo chi sia Umberto Veronesi e ciò che il dottore ha dato alla medicina, soprattutto in campo oncologico. In particolare, si è occupato per molti anni di carcinoma mammario ed è da sempre convinto propositore, nonché teorizzatore, della quadrantectomia, una pratica chirurgica per il trattamento del cancro alla mammella e non solo.

Fin dalla giovane età, o come da lui sempre sostenuto, «sono diventato vegetariano appena sono stato in grado di scegliere la mia alimentazione». L’amore verso gli animali e il rispetto di ogni forma di vita lo hanno portato a questa scelta che si rivelerà azzeccata visto l’importanza di un corretto regime alimentare per la salute del corpo e per la salvaguardia del nostro pianeta. Da un punto di vista ecologico, bisogna sapere che per produrre la carne c’è bisogno di un impiego notevole di risorse (acqua, terreni, carboni fossili, etc.) e si rilasciano in atmosfera una notevole quantità di gas serra. La scelta di una dieta vegetariana, secondo il dottor Veronesi, è la migliore da ogni punto di vista.

In particolare, secondo il suo parere, un regime alimentare corretto è la cosiddetta “dieta del digiuno”:

  • fare un unico pasto principale durante le 24 ore;
  • ridurre le porzioni di cibo, mangiando piccole dosi lungo l’arco della giornata;
  • seguire una dieta il più possibile variegata che non si focalizza su l’assunzione di un unico o pochi nutrienti. Una dieta “riduzionista” non è assolutamente di alcun beneficio per il nostro organismo che si espone al rischio di carenze e malnutrizione;
  • prediligere frutta e verdura, stando attenti al consumo di zuccheri e all’abuso di dolci e prodotti ipercalorici;
  • digiunare un giorno a settimana. Questo permetterà all’organismo di consumare tutte le sue riserve e di depurarsi efficacemente;
  • eseguire attività fisica ogni giorno. Anche una piccola camminata di mezz’ora o un giro in bicicletta è sufficiente per mantenere il corpo in salute.

In linea generale, la dieta del digiuno è un vero e proprio stile di vita che mira a combattere gli sprechi e a mantenere in salute l’organismo, consentendo di rallentare l’invecchiamento del nostro corpo, di ridurre l’infiammazione sistemica e di ridurre l’incidenza di malattie croniche gravi.

A supporto di questa teoria, un team congiunto di scienziati italo-americani diretti da Valter Longo, Direttore dell’Istituto di Longevità della University of Southern California e responsabile del programma di ricerca “Oncologia & Longevità” all’IFOM (Istituto FIRC di Oncologia Molecolare) di Milano, hanno dimostrato tramite uno studio che la dieta che mima il digiuno ha effetti rigenerativi e protettivi che durano a lungo su tutto l’organismo. I topi utilizzati per l’esperimento, la cui aspettativa di vita è solitamente di 2-3 anni, hanno prolungato dell’11% la loro vita, ridotto l’incidenza del cancro, migliorato l’efficienza del sistema immunitario e aumento del numero di cellule progenitrici e staminali nei vari organi.

Insomma, questo regime alimentare sembrerebbe essere un vero e proprio toccasana per il nostro corpo ed è consigliata a chi soffre di obesità o presenta un alto rischio di svilupparla e chi soffre di patologie croniche gravi.

 

Pasqua