• Home
  • Coltivazioni micorrizate

L'Italia è davvero il paese del buon caffè?

"Quando morirò portami un caffè che resusciterò" - Edoardo De Filippo (Fantasmi a Roma)

caffe italiaTutti i prodotti che proponiamio a PIUGUSTOBIO sono frutto di selezione, ricerca e analisi, per quanto riguarda la loro tracciabilità ed etica di produzione e il caffè non è da meno.  Il nostro caffè è rigorosamente biologico e Fairtrade, preparato con la la storica e leggendaria macchina del caffè E61, sempre manutenzionata e pulita dai nostri ragazzi. Quando il caffè arriva nella tazza infatti più fattori concorrono a renderlo speciale o meno: la qualità del chicco in primis ma anche le modalità di trasporto, i metodi di tostatura e lavorazione del prodotto e infine come viene preparato al bar. 

In Italia da sempre ci vantiamo della tradizione nazionale del caffè, città come Napoli ne hanno fatto un simbolo, arrivando persino a richiedere di annoverarlo come patrimonio dell'UNESCO. Ma il caffè è veramente il fiore all'occhiello del patrimonio italiano, o è piuttosto privilegiato il rituale del caffè a scapito della qualità?  Nella nostra costante spinta a capire e approfondire, ci siamo imbattuti in un interessantissimo servizio di Report "Caffè: il buono, il rancido e il ginseng" che Vi consigliamo di vedere. Di seguito un breve riassunto della puntata e link.

 

Leggi tutto

Caffè & Fairtrade

handscoffeeIl caffè è una delle bevande più popolari a livello mondiale. L’80% di esso è prodotto da 25 milioni di piccoli produttori. Circa 125 milioni di persone nel mondo dipendono dal caffè per la loro sopravvivenza. Ma molti di loro fanno fatica a guadagnare abbastanza per assicurarsi un livello dignitoso di vita.

Il caffè è conosciuto per essere un prodotto soggetto a grandi oscillazioni di mercato. La produzione globale varia molto a seconda delle condizioni climatiche, delle malattie e di altri fattori, che fanno in modo che il mercato del caffè sia per sua natura instabile e caratterizzato da ampie fluttuazioni di prezzo. Questa volatilità ha conseguenze significative per coloro che dipendono dal caffè per la loro sopravvivenza, rendendo difficile per i contadini prevedere il loro guadagno a inizio stagione e le spese per i bisogni delle loro aziende e delle loro famiglie.

Leggi tutto

2 Cantine Bio dalla carta vini PIUGUSTOBIO

AZIENDA AGRICOLA MARINA PALUSCI

PALUSCIdownload2

 

  

 

Siamo nel comune di Pianella, nel pescarese. Colline argillose e calcaree a quasi 300 m sul livello del mare.

Una terra risparmiata dalla viticultura di massa a causa dei numerosi piccoli frazionamenti di vigneti impiantati e curati solo per uso famigliare. Tutto incomincia con il nonno di Massimiliano D'Addario (agronomo, sommelier e maestro di frantoio che oggi si divide tra l'azienda vinicola di 4,5 ettari e la produzione di pregiatissimo olio e.v.o.): viaggiava in lungo ed in largo per mercatini a vendere vacche e vino sfuso, ma col tempo arrivarono le cantine sociali...

 

Leggi tutto

BPA e BPS: sostanze plastiche nocive a contatto con il cibo di tutti i giorni

bpa

Bisfenolo A (BPA)

Il bisfenolo A (BPA) sostanza utilizzata per la produzione di materie plastiche, purtroppo presente in gran parte dei materiali utilizzati per la fabbricazione di contenitori e confezioni per alimenti e bevande (comprese bottiglie di plastica, lattine e barattoli di latta) è stata messa al bando da alcuni Paesi del mondo per via della sua correlazione con obesità, iperattività infantile, malformazioni genitali e capacità di interferire con gli ormoni umani ed il corretto sviluppo del feto. Secondo gli esperti statunitensi con uno studio pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives l'esposizione al bisfenolo A potrebbe causare anche la comparsa di tumori a livello del fegato.

 

Leggi tutto

Le insidie nascoste nel trattato TTIP

Il TTIP, ovvero Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (Transatlantic Trade and Investment Partnership), è un accordo commerciale di libero scambio che stanno negoziando Europa e Stati Uniti. Questo trattato ha come obbiettivo quello di permettere non solo il libero scambio di merci, ma anche servizi, investimenti e appalti pubblici. In altre parole, si vuole uniformare e semplificare le normative tra le due parti abbattendo le differenze non legate ai dazi e migliorare le normative stesse. Questo “dovrebbe” uniformare i mercati e favorire gli scambi commerciali, rendendo il commercio molto più fluido. 

Leggi tutto